mercoledì 18 agosto 2010

Twittiquette

In questo grande minestrone a crescita esponenziale che sta diventando twitter, ognuno fa quello che gli pare, ed inizia ad emergere fortemente il bisogno di una netiquette personalizzata, una twittiquette scritta nero su bianco.

I sette comandamenti di twitter

- Regola n.1 (Valida per tutti i sn)
Non linkare i feed di un altro social network su twitter. Se lo fate infastidirete tutti. Chi è interessato e vi segue su entrambi i siti sarà costretto a leggere due volte il contenuto, chi non vi segue sull'altro social non è evidentemente  interessato a quel tipo di contenuti.
Traduzione: in particolare avete rotto le scatole con foursquare, gowalla, blip, e la madonna. 

- Regola n.2
Twitter non è una chat. Alla gente non importa di leggere le vostre conversazioni private.
Traduzione: se dovete fare più di tre reply a una persona, scrivetegli una mail o contattatelo in gtalk, messenger, facebook e sticazzi.

- Regola n.3
Non twittate in quantità industriali. Cercate di non invadere le timeline altrui. 
Traduzione: va bene le manie di protagonismo, ma superare i 30-40 twit al giorno è eccessivo. Se hai così tante cose da dire apriti un tumblr e vomita lì.

- Regola n.4
Bestemmiare è consentito.
Traduzione: questa è per i veneti, altrimenti non scriverebbero più niente.

- Regola n.5 
Non postate il link a ogni singolo post del vostro blog. Se lo fate sistematicamente la gente smetterà di cliccarci. Fatelo solo quando lo ritenete veramente interessante.
Traduzione: il feed automatico del blog su twitter ha logorato il logorabile.

- Regola n.6
Non abusare del follow friday. 
Traduzione: se ogni venerdì consigli di followare ogni singolo tuo contatto, non ti stupire se questi si dimezzeranno nel giro di tre settimane.

- Regola n.7
Defolloware senza pietà chi se ne sbatte e non rispetta le precedenti sei regole è sacrosanto.
Traduzione: se non capisci che rompi, puoi andartene a quel paese senza passare dal via.

Ps. se non siete ancora iscritti a twitter non fa niente. Se siete iscritti e non mi followate, non avete capito nulla.


8 commenti:

hellnsymph ha detto...

concordo con quasi tutti i punti, soprattutto con il secondo, che sottolineo molto spesso. però sono veneta e non bestemmio, come la mettiamo? ciao

coclicko ha detto...

Condivisibile e auspicabile! Fondamentale il 2do punto...da riscrivere in grassetto

kay ha detto...

hellsymph: hai ragione, ma mi riferivo ai miei following veneti. e poi c'è scritto che è consentito, non che è obbligatorio ;)

larvotto ha detto...

-_-'
allora sono un pessimo twittaro.

me la studio e ne farò tesoro :)

DS ha detto...

Però la questione più pressante è: prima o terza persona?

kay ha detto...

entrambe, così sono felici anche gli schizofrenici ;)

Anonimo ha detto...

uhmm. secondo me e' piu una questione di parsimonia. le tue regole valogno in generale ma:

regola numero 1: secondo me postare i likes di vimeo e i favorities di youtube puo avere senso (se il tutto non risulta in 50 tweets solo cosi). per forsquare secondo me ha senso se il tweet vuole avere il messaggio del "hey sono qui, venite e' figo" (quindi non si dovrebbe fare check in su forquare ad ogni palazzo in cui si entra, per dire)

regola numero 2: sono assolutamente concorde

regola numero 3: sono assolutamente concorde

regola numero 4: uhmm

regola numero 5: perche' no? voglio dire: se posto 4 post al giorno non ha senso. se posto 3 post a settimana forse si, no? (poi se come dici tu mi segui anche via feedreader, beh ovviamente non ci cliccherai)

regola numero 6: mai fatto un ff. mai cagato un ff (evidentemente non ci ho capito mai nulla io)

abgely (che ha utilizzato questa estate per andarsene da milano e andare a lavorare a dublino : )

kay ha detto...

abgely:
"quindi non si dovrebbe fare check in su forquare ad ogni palazzo in cui si entra, per dire"
you got the point!!
dublino?? fatto benissimo :)