mercoledì 12 maggio 2010

Don't you think that it sounds a little bit pretentious?

Giovedì potrò rendermi conto se gli Stati Uniti mi hanno insegnato davvero qualcosa di buono. Il primo fondamento della filosofia americana è che i soldi spesi nell'istruzione tornano sempre indietro. Io ho investito su me stessa, perché mi sono ritenuta più affidabile di certe azioni che la banca voleva propinarmi. Giovedì, dicevo, ho un colloquio che potrebbe cambiarmi la vita, e sono curiosa di vedere come va (again? non sei ancora stufa di reinventarti? no). Nelle scuole americane, comprese quelle di lingua, ti insegnano a saperti vendere, altrimenti in quella società di squali navigati non ne esci vivo. Ralph, l'insegnante, non si limitava a correggere gli errori grammaticali, ma ci insegnava a scrivere e parlare come gli americani. Le speaking presentation erano l'incubo della classe. Una volta a settimana bisognava parlare per cinque minuti in piedi davanti a tutti, mentre lui inflessibile con la sua penna dava il voto all'inglese e all'atteggiamento. Dovete essere convincenti, diceva. Le mie prime dieci presentazioni sono state un mezzo disastro, poi man mano che ho preso confidenza ho sfoderato un po' della nostra caratteristica teatralità italiana e sono migliorata. Se nei temi leggeva un "secondo me" lo sottolineava in rosso e ci scriveva che indeboliva quanto sostenuto. Un giorno gli ho chiesto se questo modo di scrivere non risultasse pretenzioso e lui mi ha risposto "bullshit". La sua ricetta era: dite al vostro audience cosa state per dire, diteglielo, ribaditegli quanto detto. Con-vin-ce-te-li. Lavorativamente parlando, io ho sempre definito tutto questo contorno "aria fritta" e ho sempre preferito concentrarmi sulla sola qualità del lavoro svolto. Però se guardo chi nella vita ha combinato davvero qualcosa senza accontentarsi del primo lavoretto trovato, tutto questo mi risulta vero.

Esercizio di training autogeno: ripetere venti volte "tomorrow my performance will be outstanding". Alternare con "la parola scaramanzia in inglese è intraducibile perché quando vuoi veramente qualcosa, ci riesci".

6 commenti:

silvia ha detto...

la classe di speech and debate!! anche io ce l'ho :) anche qui è un incubo per tutti. Sono ancora nella fase "prime dieci - mezzo disastro", ma ne sto uscendo.
In bocca al lupo per il colloquio!
take care

Gabriele ha detto...

cosa intendi per "combinare davvero qualcosa"?

ps = in bocca al lupo anche da parte mia...

kay ha detto...

sentirsi personalmente realizzati, credo.
crepi!

arPegaso ha detto...

Il popolo italico commerciava con tutto il mondo allora conosciuto quando a Times Square pascolavano i bisonti.

Per non dire, in tempi piu' recenti, della vendita del Colosseo ed altri monumenti.

Cos'e' che gli Ammerigani hanno da insegnarci?

In culo alla balena per Giovedi'!

Gabriele ha detto...

sentirsi realizzati credo sia "combinare molto"...:-)

kay ha detto...

arpegaso: ma gli americani che possono insegnarci qualcosa dal punto di vista comunicativo sono i discendenti degli immigranti italiani introdotti in una società che gli permette di esprimersi al meglio. quelli dei bisonti erano gli indiani :p

(cmq sì, sotto altri punti di vista, non possono insegnarci NULLA)